Pagina 1 di 1

Froome: "Da quando Uran corre nella Movistar?"

Inviato: 29/10/2017, 20:07
da emmea90
Non le manda a dire Chris Froome dopo la tappa di oggi che gli è costata la maglia gialla: "Non so se il mercato sia aperto o se Uran corra nella Movistar, so che quanto ho visto è incredibile con Uran che è restato praticamente in scia per tutto l'Ornon e gli hanno consegnato la vittoria su un piatto d'argento, grazie anche a Peter e Mikel che non si sentono molto bene. Quello che si è visto oggi rimane inaccettabile per il ciclismo, ci sono delle gerarchie che vanno rispettate - a me sull'Alpe nessuno ha dato un cambio". Piccata la risposta di Uran: "Non è stata una azione programmata e mi sentivo una gran gamba. Inizialmente ho preferito lasciar fare a Nairo che ha iniziato l'azione - mi aspettavo che Chris ci seguisse, invece non è stato così. Se io corro nella Movistar? Chiedete a lui in che squadra corre Zubeldia"

Re: Froome: "Da quando Uran corre nella Movistar?"

Inviato: 29/10/2017, 23:16
da mike4296
Ecco le parole del DS Cannondale Foley, intercettato al suo motorhome: "Certe azioni sono soltanto da applaudire, le dichiarazioni di Froome non fanno altro che male al movimento ciclistico. Ci vuole più sportività, è tutto il Tour che fa la checca isterica. Ripeto, c'è solo da togliersi il cappello, una roba del genere non si vedeva dal Tour 2006 con Land... pardon, dall'impresa di Cunego a Falzes nel Giro di 13 anni fa".
Riguardo il ruolo dei Movistar, replica dicendo che "L'azione non era stata studiata a tavolino, non esiste alcuna alleanza. Uran si sentiva bene, è partito Quintana, la Movistar aveva due corridori davanti e Ciccio ha colto l'attimo fuggente. Inspiegabile piuttosto il comportamento di Contador: avesse seguito pure lui, ora Froome sarebbe sul gradino più basso del podio. Più che lamentarsi dei Movistar, dovrebbe ringraziare i Trek"
Interrogato sulla decisiva frazione di Valmorel, invece, non si sbilancia: "In Colombia le salite sono lunghe in media 30 km, domani ne abbiamo una di 40 e tre di 20. Le distanze non ci preoccupano e abbiamo già dimostrato di puntare prima di tutto sul dare spettacolo. Ma viviamo alla giornata, sul Galibier testeremo la gamba e come andrà, andrà"