Pagina 1 di 1

Processo alla Paris - Tours

Inviato: 07/10/2012, 19:39
da Gigilasegaperenne
Processo alla Paris - Tours 2012

Immagine

Bulbarelli: Allora, tutti d'accordo?

Immagine

Marino: Ma manco per un cazzo.
Balani: Alt, che poi se no mi cazziate: siamo in onda.
Bulbarelli: Bene, allora salutiamo i nostri telespettatori.
Marino: No, allora ripeti al pubblico quello che hai detto a me fuori onda.
Bulbarelli: Ho detto solo che Sagan ha vinto.
Marino: L'altra parte.
Bulbarelli: Che Pozzato è arrivato secondo.
Marino: L'altra ancora.
Bulbarelli: Non so di cosa tu stia parlando.
Marino: Sto parlando del fatto che hai sporto reclamo a nome di Pozzato perché Sagan ha cambiato traiettoria durante la volata, superando la riga di mezzeria.
Bulbarelli: E' stato uno scarto lieve ma decisivo.
Marino: Decisivo nel farlo vincere con due biciclette di vantaggio anziché una e tre quarti?
Bulbarelli: E' una questione di principio.
Marino: L'unico principio che hai esposto è che "adesso questi zingari ci rubano pure le corse oltre al lavoro e ai portafogli".
Bulbarelli: Non credo di aver usato esattamente queste parole.
Marino: Hai ragione, per non urtare il pubblico ho omesso "di merda" dopo "zingari".
Bulbarelli: Ti dispiace parlare della corsa?
Marino: Veramente sì, visto che devo trovare il modo di registrare Real - Barcellona mentre guardo il derby di Milano.
Bulbarelli: Veramente saresti pagato per parlare di ciclismo però.
Marino: E tu saresti tenuto a non includere nel rimborso spese l'acquisto di tre torte-gelato a metà pomeriggio "perché hai un certo languorino".
Bulbarelli: Basta così, veniamo alla corsa.
Marino: Siamo già alla corsa.
Bulbarelli: Sì, intend... Marino! Da quando fai dell'umorismo così scontato?
Marino: Tre settimane di anteprime del Tour con Paolo Belli minerebbero anche il senso dell'umorismo di Woody Allen.
Bulbarelli: Ti piace Woody Allen?
Marino: Sì, anche se per te probabilmente è un po' troppo progressista, così come qualsiasi regista che stia un po' meno a destra di Leni Riefenstahl.
Bulbarelli: Sì, dunque...
Marino: Aspetta, Auro, dai un momento ai nostri telespettatori.
Bulbarelli: Perché?
Marino: Perché quella della Riefenstahl l'avranno capita in due.
Bulbarelli: Sottovaluti il livello dei nostri spettatori.
Marino: Dici così solo perché mentre Plastina legge le mail tu ti spari una cofana di bucatini all'amatriciana.
Bulbarelli: Basta, così non ne usciamo più: linea agli highlights di Davide Cassani.

Immagine

Cassani: G-gazie Augo.
Marino: Dove cazzo è finito Pancani?
Cassani: Sta dogmendo.
Marino: Conti ha contagiato anche lui?
Cassani: E' c-gollato mentghe stavamo ghiguagdando le fasi finali peg le sintesi da mandaghe ai TG Spogt.
Marino: Ecco cosa succede a rivederle con l'audio originale.
Cassani: Non l'ho capita.
Bulbarelli: Davide, vai avanti!
Cassani: Sì, cegto... lunga fuga che viene ghiassogbita molto pghesto, poi se ne vanno dopo un centinaio di chilometghi tghe uominiella Cofidis insieme a Velits. Ci pgovano anche Chegn e Veiò, quindi Nuiens e Gatto, ma la battaglia scoppia sulle ultime salitelle. Alla fine di avvantaggia un g-guppetto che viene ghegolato da Sagan.
Marino: Ormai i riassunti di Cassani sono più sintetici dei capelli di uno dei leader del PDL.
Bulbarelli: Il PDL ha un solo leader.
Marino: *ammicca*
Bulbarelli: Ehm... sì... bene, io sarei pronto ad andare da Conti.
Marino: Io invece sarei pronto a mandare Conti.
Bulbarelli: In che sens... Marino! Vai Beppe.

Immagine

Conti: Sì Auro, purtroppo la Parigi - Tours era una corsa inedita.
Bulbarelli: ...
Marino: ...
Cassani: ...
Conti: No, eh?
Bulbarelli: No, non l'ha bevuta nessuno.
Conti: E' che...
Marino: Il cane ti ha mangiato i compiti?
Conti: Sì, e mia nonna si è sentita male.
Marino: Beppe, se fosse viva, tua nonna dovrebbe essere più vecchia di Nostradamus, e quasi come Zanetti.
Bulbarelli: Non hai un servizio per salvarti in corner?
Marino: Potresti parlarci dei successi di Merckx alla Parigi - Tours, ad esempio.
Conti: Sì, certo... Merckx... Merckx ha vinto la Parigi... la Parigi - Tours...
Marino: Continua.
Conti: Una... no, due... quatt... no, eh? Cin... Se... set... sei... tre...
Marino: Non vedevo una simile figura di merda da quella volta che Conte fece per levarsi il cappello e gli restò attaccato il parrucchino.
Bulbarelli: Quando è successo?
Marino: In realtà mai, nei miei sogni almeno seicento volte.
Bulbarelli: Marino, non ci interessa il tuo mondo onirico.
Marino: Peccato, volevo giusto raccontarti di quel sogno in cui Scarlett Johansson e Charlize Theron travestite da Fata Gaia della Melevisione...
Bulbarelli: Marino! Ci sono dei minori che ci guardano.
Marino: E allora com'è che adesso è in scaletta la De Stefano?
Bulbarelli: Marino, Alessandra è una donna che ha un suo fascino.
Marino: Marrazzo sottoscrive.
Bulbarelli: Alessandra, subito!

Immagine

De Stefano: Sì, siamo qui con Filippo Pozzato. Filippo, uans aghen secondo, dont iu fil a littel pirla?
Pozzato: Ma perché parli inglese?
De Stefano: Sì, dice che in effetti lui ha fatto di Claudio Ranieri il suo modello di vita. Filippo, au mac faiga uer iu eibol tu du diuring de reis?
Pozzato: Quattro, più una sveltina prima dell'ultima salita.
De Stefano: ...
Pozzato: Perché quella faccia?
De Stefano: Perché te l'ho chiesto per prenderti per il culo, mica mi aspettavo che mi rispondessi seriamente. A questo punto, siccome non c'è quattro senza cinque, se hai cinque minuti posso... Filippo, dove vai? Niente, è scappato, credo abbia avuto un bisogno improvviso.
Marino: A me sembrava che fosse Alessandra ad avere un bisogno improvviso.
De Stefano: Siamo con Alberto Contador. Alberto, oggi tanti scatti ma solo un ottavo posto. Da quando ti controllano è più dura, eh?
Contador: Io soy sempre stato pulito, contra mia es un complotto.
De Stefano: Ordito dalla marmotta che confeziona la cioccolata. Ecco, Alberto, cosa si prova a perdere senza nemmeno la presenza di Andynuccio mio bello?
Contador: Veramente Schleck me ha battuto solo una volta, y stavamo giocando a briscola chiamata.
De Stefano: Ecco, Alberto, oggi ci hai provato tante volte, ma senza successo. Ci tengo a farti sapere che se ci provi con me, io ci sto. No, Alberto, dove scappi... guarda, ti faccio vedere cosa posso offr...

*Salta il collegamento*

Bulbarelli: Grazie mille ad Alessandra De Stefano.
Marino: Soprattutto a nome di Dario Argento, che ha appena trovato lo spunto per il suo prossimo film.
Bulbarelli: Cosa vorresti dire?
Marino: Che la visione di Alessandra che mostra a Contador la mercanzia è la cosa più orrenda che abbia visto da quella volta che mi sono trovato in ascensore con la Santanché.
Bulbarelli: Daniela è una bellissima donna.
Marino: Quante plastiche fa?
Bulbarelli: Marino, ma è mai possibile che con te si finisca sempre per divagare sugli stessi argomenti?
Marino: E di cosa vorresti parlare?
Bulbarelli: Magari della Parigi - Tours che ci pagano per commentare. Tra l'altro, la corsa di oggi secondo me ha offerto uno spunto interessantissimo: è possibile avere una corsa dura e divertente anche con poche salite? A mio giudizio, oggi abbiamo visto che è possibile.

*SPINGARDINO*

Immagine

Zomegnan: Palla di letame, guardi che l'ho sentita.
Bulbarelli: Vostra Maestà, credo che abbia udito male.
Zomegnan: Io sento e vedo tutto. Semmai lei può provare a rettificare, a meno che non voglia sottoporsi ad un interessantissimo esperimento scientifico.
Bulbarelli: Ossia?
Zomegnan: Verificare se la selezione naturale favorisce o meno un ciccione senza gambe.
Bulbarelli: Vada per l'abiura.
Zomegnan: Scelta condivisibile, così come quella di La Sègue e Hemme Méas di accettare la mia proposta per la Paris - Tours 2013.
Bulbarelli: Vale a dire?
Zomegnan: Vale a dire che accetto di non invadere militarmente tutto l'Ile-de-France se la "Tours" in questione sarà un nuovo comune, edificato in un luogo a mia discrezione.
Bulbarelli: E dove lo vorrebbe costruire?

Immagine

Zomegnan: Qui.
Bulbarelli: Perdoni l'ignoranza, ma cosa sarebbe?
Zomegnan: L'Aconcagua, la vetta più alta del Sudamerica.
Bulbarelli: E la Parigi in questione quale sarebbe?
Zomegnan: Che intende dire?
Bulbarelli: Che non so se e dove esista una Parigi in Sud America.
Zomegnan: Mai detto che si partirà dal Sud America.
Bulbarelli: Ha ragione, le chiedo scusa.
Zomegnan: Scuse respinte, mongolfiera di lardo. E adesso scusi ma devo lasciarvi, sto ancora trattando con Acquarone sulla tappa del Vajont.
Bulbarelli: Vuole modificare il percorso?
Zomegnan: No, solo le condizioni. Solo per una mera questione di rispetto della storia.
Bulbarelli: In che senso?
Zomegnan: Nel senso che se si vuole ricordare il disastro del Vajont, non è ammissibile farlo senza allagare la valle.
Bulbarelli: Mi sembra un'argomentazione sensata. La ringrazio per il prezioso contributo, e cedo a questo punto la linea all'approfondimento di Silvio Martinello.

Immagine

Martinello: Sì, grazie Auro. Oggi ci siamo concentrati sulla piazza d'onore di Filippo Pozzato. Abbiamo calcolato l'accelerazione scalare media del veneto nel tratto compreso fra i sedici e i tredici chilometri dal termine, rielaborando secondo il teorema di Cauchy la funzione complessa e integrandola lungo la superficie dell'ammiraglia della Movistar. Abbiamo quindi riscritto il tutto in linguaggio binario, calcolando la derivata dell'espressione ottenuta secondo l'inverso del postulato di Di Rocco.
Marino: Cosa sarebbe il postulato di Di Rocco?
Martinello: Le possibilità di convocazione in Nazionale di un corridore sono inversamente proporzionali al suo rendimento.
Bulbarelli: E cosa hai ottenuto?
Martinello: Risulta che Pozzato stia al ciclismo come i Los Angeles Clippers alla pallacanestro.
Bulbarelli: Grazie Silvio, molto interessante.
Marino: Ma dove?
Bulbarelli: Non lo so, ma non vedo l'ora di finire.
Marino: Com'era quella storia di vendere il prodotto?
Bulbarelli: Basta, linea a Pietro Plastina per le mail!

Immagine

Plastina: Sì Auro, oggi una mail, tutta intera.
Marino: Un successone.
Plastina: Ce la manda Paolo da Tours, che dice: "Scusateh se non sono venuto in trasmissioneh, ma un tizio mi ha tamponato appena lasciato il parterre. Si merita un bel "stronzo"."
Bulbarelli: Bene, grazie Pietro, io direi che possiamo chiud... Silvio, ma si può sapere cosa c'è? E' tutta la trasmissione che fissi il monitor, cosa stai guardando?

Immagine

Martinello: Orca...
Bulbarelli: Silvio, cosa stai guardando?
Martinello: L'Eredità.
Bulbarelli: Ma come "L'eredità"? Siamo in trasmissione e tu ne guardi un'altra?
Martinello: Scusa Auro, ma questa puntata mi ha preso particolarmente...
Bulbarelli: Perché?
Martinello: Hai presente il gioco in cui ti danno un po' di parole e devi trovare quella che è attinente a tutte?
Bulbarelli: Sì, e allora?
Martinello: Ecco, io sono abbastanza sicuro di una risposta, ma mi sembra impossibile...
Bulbarelli: E perché?
Martinello: Prego la regia di mandare l'immagine...

Immagine

Bulbarelli: Silvio! Anche tu! Basta così, sigla subito!

Re: Processo alla Paris - Tours

Inviato: 07/10/2012, 20:55
da FrancescoPalma
A Beppe Conti sono morto |ghirar

Re: Processo alla Paris - Tours

Inviato: 09/10/2012, 17:52
da alluddha
:ah:

Re: Processo alla Paris - Tours

Inviato: 09/10/2012, 22:05
da Andrepg
De Stefano: Ecco, Alberto, oggi ci hai provato tante volte, ma senza successo. Ci tengo a farti sapere che se ci provi con me, io ci sto. No, Alberto, dove scappi... guarda, ti faccio vedere cosa posso offr..


La De Stefano che si offre a Contador? |dalem

Re: Processo alla Paris - Tours

Inviato: 10/10/2012, 9:47
da Cancellara91
André Du Pin ha scritto:La De Stefano che si offre a Contador? |dalem
Ha tradito i lussemburghesi? |dalem

Re: Processo alla Paris - Tours

Inviato: 10/10/2012, 14:12
da alluddha
Lo ha fatto tante volte al Giro, provate a chiedere su twitter chi preferisce tra i due

Re: Processo alla Paris - Tours

Inviato: 10/10/2012, 15:03
da Gigilasegaperenne
Esatto, nelle interviste al Giro 2011 mancava solo il tentativo di violenza sessuale.

Re: Processo alla Paris - Tours

Inviato: 10/10/2012, 17:52
da Andrepg
Mi crolla un mito |doson