Pagina 1 di 1

Presentazione 2016

Inviato: 24/01/2016, 12:39
da young
ANVERSA - La Lotto-Soudal ricomincia dai giovani, in grande maggioranza fiamminghi. Tanto vivaio nazionale e tanti under 25 per un team che riparte dalle due tappe nei grandi giri (una in Italia, una in Francia) di André Greipel, uno che a 33 anni la zampata la lascia sempre e che proprio per questo è stato confermato capitano. Non c'è solo il tedesco, però: saranno liberi di giocarsela sugli altri terreni gli astri nascenti del pavè Tiesj Benoot (quinto al Fiandre l'anno scorso) e Jens Debusschere, Thomas De Gendt che come sempre cercherà di trovare la fuga buona in montagna, e il poliedrico Tony Gallopin l'anno scorso quarto all'Amstel e settimo al mondiale di Richmond.
Il team punta chiaramente a una top 3 in una classica, con una delle "punte" o con lo stesso Greipel; sembra probabile al 99,9% che il velocista tedesco e Gallopin abbiano in programma il Tour, mentre De Gendt il Giro, corsa in cui nel 2012 arrivò terzo (ma da allora non è più riuscito a ripetersi nei grandi giri). Sempre Gallopin, Benoot, Debusschere e Wellens avranno carta bianca nelle classiche mentre Hansen, Vanendert, Wallays e Valls faranno da cacciatori di tappe e piazzamenti.
Roster completo della Lotto-Soudal: Sander Armée (BEL), Lars Ytting Bak (DAN), Tiesj Benoot (BEL), Kris Boeckmans (BEL), Stig Broeckx (BEL), Sean De Bie (BEL), Jasper De Buyst (BEL), Bart De Clercq (BEL), Thomas De Gendt (BEL), Jens Debusschere (BEL), Gert Dockx (BEL), Frederik Frison (BEL), Tony Gallopin (FRA), André Greipel (GER), Adam Hansen (AUS), Greg Henderson (NZL), Pim Ligt'hart (NED), Tomasz Marczynski (POL), Maxime Monfort (BEL), Jurgen Roelandts (BEL), Marcel Sieberg (GER), Rafael Valls Ferri (ESP), Tosh Van der Sande (BEL), Jelle Vanendert (BEL), Louis Vervaeke (BEL), Jelle Wallays (BEL), Tim Wellens (BEL).
"Come ho già detto al mio arrivo, sono felice di trovarmi in una delle squadre più attrezzate del World Tour. Non abbiamo un grande capitano per le corse a tappe come quello che ho avuto l'anno scorso, è vero, e nemmeno il leader assoluto in un ambito come nella mia precedente esperienza in Belgio, ma qui c'è uno dei migliori gruppi d'Europa, una squadra che con vari cambi di sponsor è in vita ormai da 31 anni e che probabilmente mi ha scelto per tornare a fare risultato nelle corse più amate dai belgi, le classiche del Nord. Da un anno, poi, non c'è più la divisione che impediva ai DS delle corse franco-belghe di prendere parte a quelle italiane e sarà affascinante partecipare per la prima volta a Tirreno, Sanremo, Giro e Lombardia più altre classiche del calendario. Partiremo col Dubai Tour per mettere chilometri nelle gambe, poi tanto lavoro per arrivare al meglio alla primavera. Il Giro ci è piaciuto, punteremo alle tappe e se poi ci scappa un buon piazzamento o la maglia azzurra con Thomas meglio ancora, ma i due leader andranno al Tour, con la lotta per la verde e per portare a casa più tappe possibile." Luke Beattie ha risposto in pochi minuti alle domande dei giornalisti sul programma stagionale della Lotto-Soudal. "I corridori sono questi, le rose anche, certo la partenza di Van den Broeck ci ha indebolito in salita ma la pattuglia di gregari si è rinforzata notevolmente e spesso sono loro a fare la differenza tra un piazzamento anonimo e magari un podio del capitano di turno. Poi dopo il Tour certamente la stagione non è finita, dato che a fine stagione si corrono 4 classiche".
Immagine